Home / News /Cosa significa Cibo Gourmet? Esempi di Specialità Alimentari

Cosa significa Cibo Gourmet? Esempi di Specialità Alimentari

Complici i numerosi programmi tv dedicati alla cucina e alla preparazione del cibo, si sente sempre più spesso parlare di cibi gourmet, andando a indicare un prodotto di altissima qualità, dal punto di vista degli ingredienti usati ma anche della modalità di realizzazione.

È possibile eccellere in ogni genere di pietanza, dall’antipasto al dolce, considerando gli accostamenti dei sapori ma anche la bellezza estetica del piatto che si sta portando in tavola.

In questo articolo vedremo nel dettaglio come riconoscere un cibo gourmet e perché negli ultimi anni si sia riscoperta la qualità e la bellezza degli alimenti.

Puntando sul gusto estetico e sul sapore si trasforma il pranzo o la cena in una degustazione ed esperienza di piacere.

Come mai sono sempre di più le persone interessate al cibo di qualità?

In cosa consiste la Cucina Gourmet

Per cibo gourmet si intende un prodotto di qualità superiore rispetto ai competitor standard, che è stato realizzato ricorrendo a una vasta gamma di ingredienti top dal punto di vista del sapore.

Si guarda molto alla provenienza degli ingredienti che si stanno utilizzando, alla loro conservazione e coltivazione, per non lasciare nulla al caso per quanto concerne il risultato finale.

La lavorazione di questi prodotti prevede l’impiego di tecniche tradizionali e antiche, usando però anche macchinari più moderni nel caso la loro resa sia superiore.

Gli ingredienti usati sono rari e spesso costosi e si pongono come scopo la realizzazione di pietanze uniche e ben bilanciate, per far assaggiare al cliente un mix di sapori che non ha mai sperimentato prima.

La selezione riguarda ad esempio:

  • carne pregiata,
  • pesce saporito e delicato,
  • verdure di stagione coltivate secondo la tradizione
  • un dolce che segue le regole della nonna ma con un impiattamento sofisticato e raffinato.

La cucina gourmet contraddistingue un normale ristorante da uno raffinato ed elegante, non solo negli arredi ma anche nel tipo di proposta che viene fatta al cliente.

Il piatto appare quasi come una sorta di opera d’arte e ovviamente il servizio deve essere all’altezza del prodotto d’eccellenza, mantenendo il massimo della formalità cortese.

Vedremo in seguito quali sono i principali cibi gourmet della nostra penisola e come sfruttarli al meglio per la realizzazione di ricette capaci di lasciare a bocca aperta tutti i commensali.

Le nostre varietà

Perché il Cibo Gourmet è sempre più di tendenza

Il cibo gourmet è una prerogativa dei ristoranti alla moda e di tendenza, ma attualmente è così apprezzato da essere riproposto tra le mura domestiche, scegliendo con cura tutti gli ingredienti e realizzando un piatto goloso ma gradevole esteticamente.

Le motivazioni sono da ricercare nel numero elevato di trasmissioni e programmi televisivi, che permettono a tutti di sentirsi degli chef per qualche ora e tentare la strada della buona cucina.

Ci si interessa quindi a sapori diversi rispetto a quelli ai quali si è abituati, giudicando la pietanza non solo dal punto di vista del gusto ma anche dell’impiattamento e del bilanciamento dei sapori.

Inoltre, negli ultimi tempi si è fortemente posta l’attenzione sulla qualità del cibo, sottolineando come sia meglio spendere qualche euro in più ma guadagnare in termini di salute e soprattutto di sapore.

L’essenziale è scovare il negozio giusto all’interno del quale si raccolgono solo prodotti di qualità.

Non più acquisti esclusivamente al classico supermercato, ma ricorrendo alle piccole botteghe artigianali, che ancora puntano sulla bontà del cibo piuttosto che sul packaging o sul guadagno elevato.

Il cibo gourmet, soprattutto se servito all’interno di ristoranti particolari ed eleganti, permette di evadere dalla propria dimensione per il tempo di una cena e poter allenare il palato a sapori che non si sono mai provati prima.

Non a caso sono diversi i target di amatori che si iscrivono a corsi di cucina, per imparare anche l’arte dell’impiattamento e affinare il proprio gusto estetico nel momento della preparazione.

Come nasce il cibo gourmet

Il cibo gourmet, al contrario di quanto si possa pensare, non nasce in Italia che è la patria della buona cucina, ma colloca la sua origine negli Stati Uniti attorno agli anni ’80.

L’esigenza della classe media era quella di assaggiare dei piatti più ricercati, che fossero appaganti non solo per il palato ma anche per la vista.

Si voleva fuggire dal cibo povero che imperversava per le tavole, a favore di abbinamenti stuzzicanti dal punto di vista cromatico e dei sapori.

Se però in questo caso si pensava anche a un concetto di cucina maggiormente salutare, in Italia l’idea di gourmet è arrivata più a livello estetico che di nutrienti.

La cucina mediterranea è infatti già di per sé sana, poiché utilizza ingredienti d’eccellenza come il pomodoro, la pasta e l’olio.

Si è cercato un distacco dalla cucina popolare dal punto di vista del gusto, cercando di esplorare in modo ardito tutte le varie possibilità che gli ingredienti di stagione riescono a fornire.

La cucina gourmet viene solitamente premiata tramite le stelle Michelin, che riconoscono sia la bontà degli ingredienti che sono impiegati, sia la loro lavorazione e l’accostamento bilanciato, per vivere un’esperienza degustativa fuori dal comune.

Non serve però andare necessariamente presso un ristorante stellato per assaggiare un ottimo cibo gourmet, in quanto acquistando dei prodotti selezionati e cucinandoli in maniera bilanciata si possono ottenere deliziose pietanze da impiattare con stile e raffinatezza.

Altri prodotti selezionati

Quando i salumi sono considerati Gourmet

Alcune categorie di salumi rientrano nella categoria dei cibi gourmet, in base alla materia prima che viene usata e al tipo di lavorazione subita.

Esistono animali che vengono allevati con tecniche particolari, massaggiando la loro carne e facendoli alimentare in modo corretto solo con erba selezionata.

Un fattore che incide notevolmente sulla qualità del prodotto e rende il salume gourmet è certamente la stagionatura, che interviene in particolar modo sul prosciutto crudo e ne determina la bontà.

Solitamente non si può scendere sotto i 18 mesi, arrivando anche a 36 mesi nei casi di maggiore pregio.

Pensa ad esempio alla variante spagnola, stagionata e saporita, che ha saputo conquistare il palato di persone provenienti da ogni zona del mondo.

Tra le eccellenze italiane troviamo anche la bresaola della Valtellina, che si caratterizza per un gusto delicato e per un colore intenso.

Può essere usata nella cucina tradizionale ma soprattutto si presta alla realizzazione di piatti dal sapore particolare se unita ad elementi come i frutti di bosco.

Il salame toscano sembra un piatto povero ma può entrare a fare parte di un menù d’eccezione selezionato.

Conclusioni

Il cibo gourmet sta riscuotendo un successo internazionale importante, in quanto affascina sia per la scelta di ingredienti rari e preziosi, sia per tutta la lavorazione che è presente dietro.

Potrai scegliere di assaggiare delle pietanze esclusive all’interno di un ristorante alla moda, oppure prepararle direttamente in casa procurandoti tutto l’occorrente.

I concetti chiave sui quali dovrai puntare sono quelli della freschezza e della provenienza, ricorrendo a piccoli enti locali che non producono in maniera intensiva ma, al contrario, si dedicano alla lavorazione e alla fornitura di poche ma selezionate materie prime.

Lo scopo è imitare i grandi chef e portare in tavola delle pietanze non solo gustose al palato, ma anche bilanciate e capaci di regalare una nuova esperienza degustativa.

Potrebbe interessarti anche:

Cos’è la Pancetta: Origini, Tipi e Utilizzi in Cucina?

Cos’è la Pancetta: Origini, Tipi e Utilizzi in Cucina?

Pancetta in Cucina La pancetta, con la sua ricca texture e il sapore distintivo, si presta a una vasta gamma di applicazioni culinarie, rendendola un ingrediente essenziale in molte cucine. La sua capacità di trasformare e arricchire i piatti con una profondità di...

leggi tutto
Lardo: Storia, produzione e tradizioni culinarie

Lardo: Storia, produzione e tradizioni culinarie

Tradizioni Culinarie del Lardo Il lardo, con la sua ricca consistenza e il sapore delicato, si posiziona al centro della tradizione culinaria italiana, assumendo ruoli diversificati che spaziano dalla degustazione pura, come antipasto, fino all'impiego come componente...

leggi tutto
mini cart