La pancetta affumicata

La pancetta affumicata

Un altro capitolo che apre le porte della nostra produzione per raccontare di un prodotto dal gusto ricco e.. internazionale: la Pancetta Affumicata

 

La Storia

In epoca romana era destinata ai legionari, poi, nel periodo longobardo, venne riservata ai muratori, due professioni accomunate dall’impiego di grande forza fisica, un caso? Certamente no, al contrario, queste informazioni ci permettono di definire la pancetta come un prodotto antico e dalle virtù nutritive riconosciute. Oggi questo prodotto senza tempo viene consumato in diverse forme e all’interno di innumerevoli ricette, per dare sapore e carattere a primi e secondi piatti, o per rendere internazionale e ricca la prima colazione

La Lavorazione

Ricavata dal tipico taglio di carne suina, diverse sono le fasi fondamentali per realizzare la Pancetta Affumicata. La prima è la rifilatura, durante la quale viene eliminata o mantenuta la cotenna, a seconda delle caratteristiche del prodotto finale. Successivamente la carne viene salata e cosparsa di aromi, in un bouquet che conta il pepe e, talvolta, noce moscata e chiodi di garofano, e lasciata stagionare. Ultima e importante fase è naturalmente l’affumicatura, essenziale per rendere il prodotto finale unico e irresistibile.

La Qualità del prodotto

Taglio tanto noto quanto amato, la Pancetta Affumicata lavorata da Salumi Pasini conquista per unicità e gusto grazie ad una precisa e attenta selezione di carni, poi aromatizzate a lungo con spezie piacevolissime per il palato, come il ginepro e i chiodi di garofano, che esaltano le note affumicate della carne e le conferiscono un ventaglio di sapori forti e decisi, che si susseguono l’uno dopo l’altro, fetta dopo fetta.

Il lardo speziato

Il lardo speziato

Apriamo le porte della nostra azienda per mostrarvi l’origine dei nostri prodotti: protagonista il Lardo Speziato

Il primo capitolo dedicato alla lunga tradizione e al rispetto di tutti i processi per creare un prodotto di qualità, portato avanti da tutti i protagonisti della nostra filiera produttiva. Parliamo del lardo speziato, dalle sue origini alle diverse declinazioni regionali

La Storia
Una tecnica di conservazione antica, quella usata per preparare il lardo: secondo alcuni era già nota ai Celti, sicuramente ne facevano uso i Romani, che già conoscevano la bontà del lardo prodotto in località come Colonnata. Proprio a Colonnata, in Toscana, il lardo era in epoca romana alimento per gli schiavi, costretti a lavorare nelle cave di marmo locali, e mantenne la diffusione in tutto il Medioevo.

La Lavorazione
Si prepara con ricette diverse in diverse zone d’Italia, dalla Valle d’Aosta alla Lombardia, fino appunto alla Toscana. Se la presenza di spezie, il tipo di aromi usati e alcuni dettagli tecnici della preparazione cambiano nelle diverse regioni di produzione, rimane costante la tecnica base,che vede un taglio di maiale conservato tramite salagione. Un procedimento che consentiva nel passato di ottenere un tesoro di nutrimento, scorta per i mesi freddi, e che oggi porta a realizzare un vero tesoro di sapore.

La qualità del prodotto
Le tecniche antiche convergono nell’esperienza di Salumi Pasini, che rende speciale il suo lardo a partire dalla scelta della materia prima, per continuare con una lavorazione attenta e rispettosa. Ma il vero tocco in più è dato dai profumi. Il Lardo Speziato Pasini si differenzia per il bouquet di aromi, che accanto a pepe e cannella, vede la presenza della scorza di limone: una nota agrumata che conferisce al prodotto un inconfondibile gusto fresco, del tutto particolare. Fatto come un volta, perfetto per i palati contemporanei.

X