Home / News /Come utilizzare Prosciutto Cotto Avanzato: le Migliori Ricette

Come utilizzare Prosciutto Cotto Avanzato: le Migliori Ricette

Spesso e volentieri capita di acquistare una quantità di prosciutto cotto superiore al proprio consumo giornaliero, creando così degli avanzi.

Per evitare sprechi alimentari, in quanto sarebbe un vero peccato, è però possibile congelare il prodotto oppure, ancora meglio, farlo diventare il protagonista indiscusso di tante gustose proposte culinarie.

Se si è a corto di idee, non resta che proseguire con la lettura di questa pratica guida al riciclo di uno dei salumi più apprezzati d’Italia.

Come utilizzare il prosciutto cotto avanzato

Il prosciutto cotto avanzato, sia intero che affettato, può essere congelato, a patto che venga privato della parte grassa visibile, in quanto quest’ultima tende a ingiallire e a irrancidirsi subito, rendendo in questo modo l’alimento non solo esteticamente spiacevole, ma anche immangiabile.

Se si opta per questo metodo di conservazione, dopo averlo accuratamente sgrassato, si consiglia di collocarlo all’interno di un contenitore per freezer provvisto di chiusura ermetica oppure di avvolgerlo in un foglio di alluminio, prestando attenzione a sigillare bene tutti i bordi ed evitare l’ingresso dell’aria.

Quando si decide di consumarlo, trasferirlo dal congelatore al frigorifero per farlo tornare morbido e utilizzarlo per le ricette in cui è prevista la cottura.

Sebbene sia ancora commestibile, una volta che viene sottoposto a congelamento, il prosciutto cotto tende a perdere gran parte della freschezza e della fragranza che lo contraddistinguono.

Ricette per utilizzare il prosciutto cotto avanzato

Qui sotto vengono suggerite ben tre ricette a base di prosciutto cotto avanzato, per le quali vale davvero la pena tenerne sempre un po’ da parte.

Involtini di formaggio e prosciutto cotto

Gli involtini di formaggio e prosciutto cotto sono un piatto così semplice e veloce da preparare anche in caso di ospiti dell’ultimo minuto. Possono essere realizzati sia fritti che al forno. Fare attenzione perché uno tira l’altro!

Ingredienti:

  • 250 grammi di formaggio a pasta filata come fontina o Emmenthal
  • 50 grammi di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • otto fette di prosciutto cotto di grandi dimensioni
  • due uova
  • 200 grammi di pane grattugiato
  • olio di semi di arachide per friggere

Preparazione

  1. Preparare un involtino per volta stendendo una fetta di prosciutto su una superficie piana.
  2. Adagiare sulla fetta di prosciutto il formaggio tagliato a fette sottili e ripiegare il salume a fagottino per evitare la fuoriuscita di quest’ultimo durante la cottura.
  3. Ripetere i passaggi 1 e 2 fino al completo esaurimento degli ingredienti. In tutto si otterranno otto involtini.
  4. Sbattere le uova con una forchetta in una ciotola.
  5. Mescolare il pangrattato al Parmigiano in un altro recipiente.
  6. Immergere un involtino alla volta nelle uova e passarlo subito dopo nel mix di formaggio e pane grattugiato.
  7. Friggere gli involtini in abbondante olio caldo, scolare e adagiare su carta assorbente.
  8. Per la versione al forno disporre gli involtini su una teglia rivestita con carta forno e far cuocere in forno preriscaldato a 180° C per un quarto d’ora.
  9. Servire gli involtini caldissimi.

Crocchette di riso con prosciutto cotto e scamorza

Questa ricetta è decisamente versatile, in quanto può essere servita non solo come primo, ma anche come antipasto o aperitivo alquanto sfizioso.

Per preparale basta solo un po’ di pazienza, ma il risultato finale ripagherà di tutti gli sforzi!

Ingredienti

  • 400 grammi di risotto allo zafferano avanzato
  • 100 grammi di prosciutto cotto a cubetti
  • 100 grammi di provola affumicata
  • sale e pepe q.b.
  • pane grattugiato q.b.
  • due uova
  • olio di semi di girasole per friggere

Preparazione

  1. Tagliare a cubetti la provola e metterla in una ciotola.
  2. Mettere i cubetti di prosciutto cotto in una terrina a parte.
  3. Prendere il riso avanzato freddo di frigorifero, prelevarne una cucchiaiata, formare una sfera, collocare al centro qualche cubetto di formaggio e prosciutto e chiudere con altro riso per non far fuoriuscire il ripieno.
  4. Ripetere l’operazione 3 fino al termine di tutti gli ingredienti. Si dovrebbero ottenere all’incirca dodici crocchette da 70 grammi cadauna. Se si desidera essere precisi utilizzare una bilancia.
  5. Sbattere le uova in una ciotola, aggiungere sale e pepe e mescolare.
  6. Trasferire il pane grattugiato su un piatto piano.
  7. Immergere le crocchette nell’uovo e nel pane grattugiato e friggere in abbondante olio caldo, la cui temperatura deve essere pari a 170°-180° C.
  8. Se non si possiede un termometro da cucina, basta immergere un pezzetto di pane nella padella; se sfrigola significa che è possibile cominciare a cuocere.
  9. Per evitare di abbassare la temperatura dell’olio, far cuocere poche crocchette alla volta e rimuoverle dalla padella quando sono ben dorate su tutta la superficie.
  10. Scolare le crocchette con un mestolo forato e trasferirle su carta assorbente per rimuovere l’olio in eccesso.
  11. Se si desidera una cottura più leggera e salutare, trasferire le crocchette su una teglia rivestita con carta forno e far cuocere in forno preriscaldato a 200° C per una decina di minuti.
  12. Servire le crocchette di prosciutto e formaggio calde oppure tiepide.

Gateau di patate

Un grande classico della cucina napoletana può essere realizzato in pochi semplici passi, basta avere a disposizione qualche fetta di prosciutto cotto avanzato e delle patate.

Ingredienti

  • 50 grammi di prosciutto cotto a dadini
  • mezzo chilo di patate a pasta gialla
  • 50 grammi di salame a cubetti
  • 100 grammi di mozzarella
  • due cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • due uova
  • sale e pepe q.b.
  • olio extra vergine di oliva
  • 20 grammi di pane grattugiato
  • 30 grammi di Parmigiano Reggiano grattugiato extra

Preparazione

  1. Lessare le patate in abbondante acqua salata nella seguente modalità: sciacquarle, collocarle all’interno di una pentola, versare dell’acqua fredda, una presa di sale e accendere la fiamma. Quando l’acqua raggiungerà il punto di ebollizione, contare circa mezz’ora. Le patate saranno pronte quando, pungendole con una forchetta, quest’ultima raggiungerà il centro senza alcuno sforzo.
  2. Scolarle e sbucciarle quando sono ancora calde con l’aiuto di un coltello per evitare scottature.
  3. Schiacciarle subito con uno schiacciapatate o con un passa verdure, poiché, quando i tuberi sono ancora caldi, si evita la formazione di grumi. Tenere da parte.
  4. Tagliare la mozzarella a cubetti e trasferirla su un colino per eliminare il liquido in eccesso. Tenere da parte.
  5. Riprendere le patate schiacciate, unire le uova, una presa di sale, una spolverata di pepe, il formaggio grattugiato e un filo d’olio d’oliva.
  6. Mescolare bene tutti gli ingredienti e aggiungere sia i salumi che la mozzarella a cubetti.
  7. Trasferire il composto in una pirofila unta d’olio e spolverizzata con il pane grattugiato.
  8. Livellare la superficie con una spatola e distribuire sulla superficie il formaggio extra, il pane grattugiato e un giro d’olio, in modo da ottenere una bella crosticina dorata.
  9. Far cuocere in forno preriscaldato a 180° C per circa mezz’ora.
  10. Servire il gateau di patate caldo.

Nota bene: il gateau di patate può essere preparato con qualche ora di anticipo per essere riscaldato poco prima di servirlo, ma attenzione a non superare la mezza giornata, poiché potrebbe annerirsi.

Conclusione sulle ricette con prosciutto cotto avanzato

Utilizzare il prosciutto cotto avanzato per preparare delle gustose ricette non è solo un ottimo metodo per non gettarlo e risparmiare così consistenti somme di denaro, ma diventa anche un pretesto per stimolare la propria creatività in cucina.

Questo alimento, sebbene non sia più fresco come appena comprato, è infatti ancora capace di regalare quel tocco di sapore in più a ogni piatto, provare per credere!

Quando buttare via il prosciutto cotto avanzato

Esistono dei casi in cui è decisamente meglio gettare via il prosciutto cotto avanzato, in primis quando è trascorsa la data di scadenza riportata sulla confezione oppure è rimasto a contatto con l’aria per diverso tempo.

Se si mangia questo alimento avariato si può infatti andare incontro a intossicazioni alimentari, botulismo e listeria, responsabile di vomito, meningite e nausea.

Bisogna infatti tenere a mente che numerosi batteri dannosi per la salute riescono a sopravvivere al freddo.

Un prodotto da eliminare senza nemmeno pensarci si riconosce al primo sguardo dai seguenti dettagli:

  • parte grassa ingiallita e dura;
  • colore della polpa rosa sbiadito oppure tendente al grigio;
  • presenza di riflessi verdastri sulla parte rosa;
  • confezione rigonfia (significa che la fermentazione è già iniziata ed è bene non aprirla);
  • cattivo odore;
  • comparsa di bolle sulla cotenna.
mini cart