Home / News /Barrette Proteiche: caratteristiche ed utilizzi

Barrette Proteiche: caratteristiche ed utilizzi

Le barrette proteiche non sono altro che degli integratori alimentari in grado di colmare il bisogno proteico di una persona sportiva ogni qualvolta risulti impossibile procedere con alimenti differenti.

Esse, oltre a comprendere almeno 20 grammi di proteine per pezzo, contengono vitamine del gruppo B e sali minerali.

Bisogna però sottolineare che non si tratta assolutamente di pasti sostitutivi e possono essere utilizzate unicamente per ciò che sono, poiché il loro abuso può provocare alterazioni metaboliche, crampi e dolori addominali, diarrea e aumento della massa grassa.

Cosa sono le Barrette Proteiche

Le barrette proteiche sono una pratica alternativa ai tradizionali snack da consumare subito dopo l’allenamento per contrastare il catabolismo muscolare, per distribuire la quota peptidica nell’arco dell’intera giornata e per dare inizio al ripristino delle riserve d’energia a fine sessione training.

Il bisogno proteico di un individuo adulto cresce in maniera notevole durante l’attività sportiva: da sedentario ha infatti bisogno di un quantitativo pari a 0,75 grammi per ogni chilo di peso corporeo, l’atleta richiede almeno 1,5 grammi per chilo.

In quest’ultimo caso, al fine di raggiungere tali livelli senza aumentare in modo eccessivo la dose di colesterolo e grassi saturi (si trovano in numerosi cibi ricchi di proteine dall’elevato valore biologico), l’integrazione si tramuta in una necessità.

D’altronde non è sempre possibile portare con sé misurini, borracce e barattoli per miscelare le polveri e il consumo delle barrette proteiche risulta pertanto più semplice, anche perché, oltre a essere pratiche e duttili, sono tascabili, monoporzione e conservabili.

A cosa servono le barrette proteiche

Oltre ad assicurare uno snack tascabile e semplice da consumare, le barrette proteiche vengono raccomandate agli atleti per fronteggiare il loro fabbisogno proteico, poiché possiedono molte proprietà.

Se consumate a seguito di un work out, sono utili a:

  • contrastare la perdita di massa muscolare;
  • favorire il ripristino delle scorte di energia all’interno dell’organismo;
  • stimolare i processi anabolici:
  • assumere proteine durante tutta la giornata.

Inoltre, essendo composte da diverse tipologie di proteine, il corpo le assorbe in tempi diversi, aumentando in questo modo le concentrazioni di aminoacidi nel sangue e di mantenerle alte per una tempistica prolungata.

Calorie e valori nutrizionali delle Barrette Proteiche

Un’alimentazione bilanciata e corretta, capace di mantenere sotto controllo il peso corporeo, prevede degli spuntini da consumare sia durante la mattina, sia durante il pomeriggio, per spezzare la fame tra un pasto principale e l’altro, ossia colazione, pranzo e cena.

Questi spuntini sono molto importanti, perché aiutano a non rallentare il metabolismo e arginano il rischio abbuffate, le quali azzererebbero tutti i sacrifici fatti durante l’allenamento.

Parlando nello specifico dell’apporto calorico delle barrette energetiche, le suddette hanno un eccellente rapporto tra tutti i valori nutrizionali (proteine, carboidrati e grassi) e contengono un basso quantitativo di calorie.

Per far sì che questi prodotti soddisfino tali requisiti, occorre però leggere con cura la tabella dei valori nutrizionali, poiché non tutti sono dietetici, anzi sono un autentico ricettacolo di zuccheri semplici.

Le calorie di cui tenere conto devono essere paragonate a 100 grammi di cibo.

Tra gli ingredienti più utilizzati, rientrano:

  • cioccolato;
  • cereali;
  • riso soffiato;
  • frutti rossi;
  • yogurt.

Questi, al fine di essere resi compatti, devono essere unificati da glassature a base di addensanti e sciroppi, in primis lo sciroppo di glucosio e lo zucchero, che di dietetico e salutare non hanno proprio nulla.

Pertanto, se si mangiano delle barrette proteiche contenenti queste sostanze, la fame non verrà soddisfatta e si verificherà allo stesso tempo un picco glicemico: dopo ciò si verrà nuovamente attratti da un alimento altrettanto dolce, apportando così all’organismo delle calorie perfettamente inutili e dal valore nutrizionale pressoché pari a zero.

Quando ci si trova a scegliere uno spuntino post work out, conviene dunque controllare la percentuale di zuccheri e se questi sono contenuti, significa che rappresenta la soluzione più adatta alle proprie esigenze.

Barrette Proteiche: quanto conta il potere saziante

Il potere saziante di una barretta proteica è l’elemento chiave, poiché rende più o meno dietetico ed efficace uno snack: lo stomaco viene soprattutto riempito dalla quantità di grassi, fibre, grassi e proteine del cibo che si sceglie.

Pertanto si raccomanda di evitare tutte le proposte presenti al supermercato oppure al bar, in quanto, oltre a saziare pochissimo, pullulano di zuccheri semplici.

Meglio invece optare per un cibo con almeno il 5% di fibre, in quanto le suddette tolgono la fame e aiutano il transito intestinale, soprattutto se associate a un’abbondante dose di acqua, perché le fa crescere di volume all’interno dello stomaco.

Realizzare le Barrette Proteiche in casa

Se non si è soddisfatti dei valori nutrizionali delle barrette proteiche disponibili in commercio, nessuno vieta di prepararle in casa e qui sotto verranno suggerite alcune ricette facili e veloci da preparare.

1. Barrette proteiche con burro d’arachidi e cacao

Ingredienti per 12 pezzi:

  • 20 grammi di semi di lino macinati a piacere;
  • 80 grammi di fiocchi d’avena;
  • 4 cucchiai di burro d’arachidi senza zucchero;
  • 4 cucchiai di cacao amaro in polvere, anche al 70%;
  • 4 cucchiai di polvere proteica aromatizzata a piacere;
  • 5 grammi di cannella in polvere;
  • acqua quanto basta;
  • 1 cucchiaio e mezzo di miele.

Procedimento:

  1. in una ciotola mescolare il miele e il burro d’arachidi fino a ottenere un composto omogeneo;
  2. iniziare a incorporare a poco a poco il cacao più dell’acqua fino a ottenere una massa uniforme;
  3. unire le proteine e la cannella nella medesima modalità;
  4. lasciare riposare per dieci minuti a temperatura ambiente;
  5. aggiungere i semi di lino e i fiocchi d’avena e mescolare;
  6. versare il composto in una teglia quadrata rivestita con carta forno, livellare e lasciare rapprendere in frigorifero per 12 ore;
  7. tagliare in 12 rettangoli uguali e servire.

2. Barrette proteiche con cocco e mandorle

Ingredienti per 10 barrette circa:

  • 70 grammi di fiocchi d’avena misti;
  • 30 grammi di mandorle non pelate;
  • 2 cucchiai di burro d’arachidi;
  • 1 cucchiaio di miele;
  • 2 cucchiai di farina di cocco;
  • 1 albume

Procedimento:

  1. tritare grossolanamente le mandorle con un mixer e versarle in una ciotola con la farina di cocco, il miele, i fiocchi d’avena e il burro d’arachidi;
  2. mescolare gli ingredienti fino a ottenere un impasto dalla consistenza a briciole;
  3. unire l’albume e mescolare fino a ottenere un composto ben amalgamato;
  4. trasferire l’impasto in una teglia quadrata rivestita con carta forno, livellare bene e far riposare per almeno un’ora in frigorifero;
  5. tagliare in rettangoli uguali e servire.

Barrette proteiche: attenzione all’assunzione e a non abusare

Come anticipato a inizio guida, le barrette proteiche non sono né pasti sostitutivi, né integratori proteici puri, in quanto contengono una miscela di sostanze.

Inoltre, in proporzione alla grammatura, possiedono un apporto calorico medio-alto dal punto di vista lipidico e glucidico, il quale incide in modo notevole sul modo di assunzione rispetto alle polveri pure.

Per tale ragione è bene consumarle con estrema parsimonia e non farle divenire oggetto di abuso alimentare; nel mondo del fitness e della cultura estetica infatti regna la disinformazione nutrizionale e le persone sono spinte a consumare un maggior quantitativo di proteine di quante ne hanno realmente bisogno, scombinando di conseguenza il bilancio nutrizionale complessivo.

A tal proposito, è doveroso sottolineare che un eccesso di proteine all’interno dell’organismo può causare un affaticamento epatico e renale.

Ma non è tutto: al fine di facilitare il quantitativo proteico senza esagerare con le calorie, è necessaria la riduzione della dose di grassi e carboidrati, altrimenti gli sforzi si rivelano del tutto inutili.

mini cart